Sanitari per disabili: come scegliere

Sanitari per disabili

Nel bagno per disabili, la sicurezza è ovviamente la caratteristica più importante. Spesso si dà per scontato che la particolare condizione fisica faccia passare in automatico in secondo piano l’estetica. Questo bisogno viene accantonato per la paura di installare sanitari per disabili e ausili poco ricercati e non accattivanti.
Non è sempre così, ed è riduttivo ragionare in questo modo: arredare un bagno per disabili dovrebbe semplicemente significare immaginare arredi e sanitari per la disabilità in da non creare un luogo asettico e anonimo.
Grazie agli ausili del bagno per disabili, EasyLife contempla prodotti di qualità dal design unico. Sono perfetti per rendere la stanza da bagno per disabili pratica, funzionale e bella. L’utilità di scegliere prodotti appartenenti alla stessa linea è importante poiché i sanitari per disabili sono proposti con una linea a se stante. Intonare i vari elementi porta a considerare un bagno per disabili qualcosa di diverso i senso positivo.
Come ci si può orientare nella scelta dei sanitari per disabili? Ovviamente, la scelta deve ricadere innanzitutto sui prodotti più funzionali in relazione alle problematiche dell’utilizzatore, con un occhio particolare all’insieme. Ecco le regole da seguire nella scelta dei sanitari per disabili.

Water per disabili – Wc Giapponese – cos’è

Le regole per creare o adattare un bagno per disabili, o per chi ha difficoltà motorie, sono quelle di avere sanitari e sostegni specifici che rendano stabili e sicuri i movimenti.
Nel caso di soggetti che si spostano sulla sedia a rotelle, ma conservano comunque una buona mobilità, è consigliabile scegliere:

  • Vasca con sportello con apertura a 180° laterale esterna. Nel catalogo EasyLife corrisponde alla vasca da bagno con sportello Topazio, Smeraldo e Perla. La differenza tra di esse sono le dimensioni. Lo sportello è sagomato in modo da accogliere perfettamente il braccio. In questo genere di vasca l’utente passa dalla sedia a rotelle direttamente alla vasca in maniera autonoma.
  • Alza water per disabili, che ha una altezza variata e che in buona sostanza si comporta come la vasca con sportello di cui sopra. L’alza water è adattabile a qualsiasi sanitario, e permette di evitare l’acquisto di un nuovo sanitario per disabili. Inoltre, garantisce una buona stabilità, grazie al sistema di sollevamento automatico e ha la tavoletta auto frenante.

Per gli amanti dell’igiene giapponese e degli attrezzi tecnologici è il momento di gioire, finalmente il water intelligente con il bidet incorporato è disponibile anche in Italia!
Per tutte le persone che, oltre ad avere difficoltà di movimento, vogliono curare l’igiene personale in maniera autonoma, il water giapponese è la scelta migliore.
Il washlet (wash+toilet) o spalet nella sua versione più ricercata (spa + toilet) è una versione ancora più avanzata. Questo dispositivo è un wc per disabili con bidet incorporato e non solo per persone a mobilità ridotta. Si installa in circa 30 minuti, andando a sostituire il vecchio asse, i vantaggi di questo dispositivo sono numerosi. Dopo aver utilizzato il water è possibile attivare la funzione doccia, per una igiene intima sia superiore che inferiore. Inoltre, la temperatura dell’acqua può essere regolata a piacimento, così come la temperatura dell’asse.

Il washlet in una vera e propria SPA per i bisogni nostri e dei nostri cari: esistono diverse tipologie con funzioni differenti. Le funzioni possono essere attivate sia dal lato del wc sia da un pratico telecomando montato a parete ma agilmente staccabile.
Il wc giapponese elettronico è un perfetto water per disabili con doccetta, ed è amato da chi cerca sia un wc, che un bidet per disabili. Gli ugelli delle doccette vengono sanificati prima e dopo ogni utilizzo e sono ricoperti in materiale antibatterico: le funzioni comprendono il lavaggio “femminile” e il lavaggio “posteriore” con scelta dell’intensità del getto d’acqua, della temperatura e dell’inclinazione del doccino, addirittura c’è una pratica funzione “massaggiante”.
Le caratteristiche previste dalla normativa bagni disabili:

  • WC (seduta da 45 a 50 cm): il gabinetto deve essere più alto. Le motivazioni sono dovute al fatto che deve agevolare l’alzata e la seduta, oppure lo spostamento dalla carrozzina e deve essere posto sulla parete opposta della porta. L’asse della tazza deve essere distante 140 cm dalla parete sinistra e 40 cm dalla parete destra.
  • Campanello: il buzzer a tirante con corda, va posizionato in prossimità del gabinetto o della vasca/doccia.

Ausili bagno disabili – dal maniglione alla vasca bagno per disabili

L’argomento “stanza da bagno per disabili” è particolarmente delicato, in quanto deve garantire l’autonomia e la tranquillità dell’utilizzatore.
I maniglioni sono un’ottima scelta per chi vuole ristrutturare bagni per disabili senza investire grandi cifre, per esempio in occasione dell’installazione di una doccia nuova a filo pavimento. Ad esempio, sopra la vasca da bagno con sportello, nella doccia o in prossimità del wc bidet, è pratico scegliere per un maniglione a L o una barra ribaltabile.
Esistono diversi tipi di vasca con sportello, alcune hanno sedili fissi che non ci permettono di sdraiarci ma di restare comodamente e in completa sicurezza seduti. Altri tipi, invece, hanno sedili mobili ma sono poco stabili. Tra i due è preferibile la solidità.
Molte vasche con sportello sono dotate di antiscivolo stampato direttamente sul fondo della vasca. Alcuni modelli di vasche da bagno con sportello, grazie alle loro dimensioni, permettono anche di fare la doccia in piedi. Questo particolare è molto importante poiché in una casa anche gli altri membri della famiglia possono usufruirne. I modelli Zaffiro e Ambra permettono infatti di montare il cappello doccia che tra l’altro rende la vasca con sportello, un elemento di arredo molto elegante.

Vasca da bagno con sportello artigianale

Un altro particolare importante è che l’azienda fornitrice delle vasche con sportello possa realizzarle in maniera artigianale. L’importanza è dovuta alle caratteristiche che si possono potenziare:

  • Adeguare le misure e renderle perfetto per lo spazio bagno disponibile;
  • Rinforzare alcune parti per avere più supporto: Ciò è possibile in fase di stampaggio della vetroresina, variando lo spessore in punti precisi;
  • Spostare le cerniere dello sportello della vasca per disabili. In questo modo si favorisce l’entrata poiché la seduta deve trovarsi in posizione opposta;
  • Inserire supporti in posizioni particolari e uniche.

Conclusioni

Per finire è bene ricapitolare gli accessori di cui c’è assoluto bisogno per avere un bagno per disabili in casa funzionale ma non solo:

  • vasca con sportello con seduta a vista adeguata allo scopo e soprattutto istallata da azienda artigiana
  • WC gabinetto ad accesso facilitato
  • maniglioni anti caduta all’interno e in prossimità
  • suoneria/allarme

La vasca con sportello deve servire allo scopo, deve essere sicura ma oggi deve anche soddisfare i canoni del design moderno, solo così le limitazioni motorie potranno passare in secondo piano.
Fatte queste premesse, se stai pensando di realizzare un bagno per disabili e/o persone a capacità motoria ridotta ci sono alcuni elementi che devi tenere in considerazione, soprattutto se questa disabilità comporta l’utilizzo di una sedia a rotelle:

  • accesso facilitato alla vasca con porta a 180°, porta rinforzata e con appoggio braccio, seduta grande sagomata, dimensioni adatte allo scopo
  • sportello di accesso con direzione apertura opposta alla seduta
  • possibilità di variazioni personalizzate

Se stai progettando un bagno nuovo, devi avvalerti della competenza ed esperienza di un’azienda specializzata. Il bagno disabili o per anziani deve essere assolutamente sicuro e comodo.

Menu